Cuba - Informazioni Utili

Descrizione
L' arcipelago Cubano fu scoperto il 27/10/1492 da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio verso quello che poi fu chiamato Nuovo Mondo. Le prime citta' furono fondate nei primi anni del XVI secolo dal Governatore Diego Velazquez, che diresse la conquista del Paese. Tali citta' sono: Baracoa, Bayamo, Santiago de Cuba, Trinidad, Santi Spiritus, Santa Maria del Puerto del Principe ( Camaguey) e San Cristobal de la Habana. Il dominio spagnolo duro' piu' di quattro secoli e termino' con la occupazione militare del paese da parte degli Stati Uniti nel 1898 fino al 1902, quando fu instaurata una Repubblica neocoloniale. L' arcipelago cubano e' formato dall' isola di Cuba, della gioventu' e da circa 4.195 isolotti che occupano una superficie di 110.992 kmq. Dista 140 km. dalle Bahamas, 180 km. dalla Florida e 210 km da Cancun. Cuba è un’isola lunga e stretta ( 1.200 Km dal Cabo di San Antonio estremità occidentale) alla Punta de Maisì, estremità orientale) la larghezza massima e di 210 Km. e quella minima di 32 Km.. Predominano le pianure e vi sono quattro gruppi montuosi importanti: a ovest, la Cordigliera di Guaniguanico, al centro , la Cordigliera di Guamuhaya, a est, il massiccio Sagua-Baracoa e la Sierra Maestra , nella quale si trova la vetta più alta del paese: il Pico Real del Turquino, alto 1.974 metri. Il paesaggio è vario e va dal semideserto ai boschi tropicali umidi. La biodiversità del paese è alta e i suoi svariati ecosistemi si trovano in ottimo stato di conservazione.

Altre informazioni sulle città

Descrizione
Baracoa, situata nella provincia di Guantànamo, è la città più antica di Cuba, fondata sulla costa orientale dell'isola Diego Velázquez de Cuéllar nel 1512. Rimasta isolata dal resto di Cuba fino ai primi anni sessanta fino a quando non fu costruita la strada "la Farola", che attraversa la foresta che separa Baracoa da Guantànamo, capoluogo della provincia. Il suo nome in lingua indigena significa "Luogo delle acque" e deriva dal fatto che nei pressi della città si trovano le foci di diversi fiumi (Toa, Miel, Duaba, Yumuri). Oggi sono circa 80.000 le persone che vivono nel suo territorio lussureggiante, dove, a causa delle conformazione montagnosa, si è conservata integra l'originaria foresta tropicale. Sviluppate le coltivazioni di caffè, cacao, cocco, banane
Descrizione
La provincia di Granma, attraversata dal fiume più lungo di Cuba, il rio Cauto, offre uno dei paesaggi più ricchi dell'Isola per appassionati di fotografia. Lagune e zone palustri si alternano in un paesaggio che forma uno degli scenari naturali più belli del Paese. A sud si erge maestosa la Sierra Maestra, le cui montagne ricche di vegetazione, cadono sul Mar del Caribe. Qui si trova Bayamo, capitale della regione, piccola e pittoresca città con stradine strette e case coloniali che confermano un passato ed un presente artistico in grado di collocarla tra le città cubane più ricche di cultura. Una prerogativa è che la città possiede ancora carri trainati da cavalli chiamati "coches" usati come taxi oltre che per giri turistici. Seconda città fondata dagli spagnoli nel 1512, visse di contrabbando e pirateria. Bayamo vanta anche il titolo di Monumento Nazionale per l'atto eroico compiuto dai cittadini quando preferirono incendiarla piuttosto che consegnarla ai colonizzatori spagnoli. Si trovano siti ed edificazioni legati alle prime gesta indipendentistiche della nazione cubana: la "Piazza dell'Inno", dove per la prima volta silevarono le note e le parole dell'attuale inno nazionale, la Cattedrale di Bayamo con la Cappella de Dolores del 1740 la cui "pala d'altare" in stile barocco è oggi una delle più belle del Paese, la casa natale di Carlos Manuel de Cespedes con reperti e tesori dell'epoca coloniale e la "Casa della Nazionalità Cubana" di grande valore documentale. Nella zona sono presenti innumerevoli siti archeologici relativi agli Indios ed il sentiero di "El guafe", unico in questo tipo di Paese, dove si trovano geroglifici ed altri importanti reperti sulla presenza della cultura "agroalfanera" in questa zona
Descrizione
conta oggi circa 300.000 abitanti, ed è la terza città cubana e capoluogo dell'omonima provincia che si estende dal centro dell'isola verso oriente. Il nucleo originario si trovava sulla costa settentrionale presso la baia di Nuevitas, ma per difendersi dai pirati la città fu ricostruita nell'attuale sito, una piana compresa tra i fiumi Hatibonico e Tinima, affluenti del fiume San Pedro. Il territorio pianeggiante e fertile tipico della zona, ha facilitato le attività agricole, l'allevamento, così come i trasporti, più che in ogni altra parte di Cuba, facendone così una delle zone più ricche del Paese
Descrizione
Situata nell’Arcipelago di Camaguey, nella costa centro orientale dell’isola di Cuba, si trova Cayo Coco, che, grazie al suo clima particolarmente favorevole e ai suoi 22 km di spiagge è tra le località più interessanti dell’isola per gli amanti della natura. Il nome Cayo Coco deriva dall’abbondante presenza di palme da cocco, e tutta l’isola è caratterizzata dalla presenza di terreno paludoso. Inoltre l’isola è famosa per essere una riserva naturale, infatti qui si possono ammirare molte specie di uccelli, come i fenicotteri rosa, abituali frequentatori di Cayo Coco. Le spiagge hanno sabbia bianca, le acque sono particolarmente calde e limpide e i fondali sono poco profondi
Descrizione
Cayo Guillermo è un isolotto che forma parte dell'arcipelago Jardines del Rey (I giardini del re ). Si trova sulla costa settentrionale di Cuba, tra la Bahia de Perros e l'Oceano Atlantico. Cayo Guillermo fa parte della provincia di Ciego de Ávila, e si trova nel comune di Morón. L'isola è una popolare destinazione turistica, con quattro resort all-inclusive situati sul lato nord dell'isola.Appena ad est delle località sorge la bella marina usata da yacht, pesca sportiva e barche destinate alle escursioni in mare . Una delle migliori spiagge del paese Playa Pilar si trova all'estremità occidentale di Cayo Guillermo. Questa spiaggia prende il nome dalla barca di Ernest Hemingway, il Pilar. L'isola offrì allo scrittore la cornice ideale per il momento culminante dell' ultimo romanzo "Isole nella corrente". L'accesso all'isola è possibile attraverso l'aereoporto Jardines del Rey così come per mezzo di una lunga strada costruita sulla laguna che fa da collegamento fra Cuba ,Cayo Coco e Cayo Guillermo. inizialmente abitata da pescatori e produttori di carbone, l'isola ha guadagnato la fama nel 1960 per la pesca d'altura. Ideale per riposo ma anche per sport acquatici quali Diving per i suoi fondali rigogliosi e Kitesurf date le sue lagune con acqua bassa e piatta anche lontano dalla costa con venti moderati e costanti soprattutto in inverno. Le spaigge sono bianche e lambite da acque cristalline, l'atmosfera rimane selvaggia pur offrendo il comfort di ottimi Hotels.
Descrizione
è un lembo di terra completamente circondato dalle acque del Mar dei Carabi, poco a est della Isla de la Joventud, nella parte occidentale di Cuba. Caratterizzata da uno splendido mare e da un clima mite durante tutto l’arco dell’anno, Cayo Largo è uno dei luoghi più frequentati di tutta Cuba, e rappresenta una località ideale per chi ama il mare ed è alla ricerca di relax e tranquillità. I suoi 25 km di spiagge sono infatti ricchi di suggestivi spettacoli naturali a partire dal mare limpidissimo. Inoltre, per chi ama l’attività sportiva, è possibile praticare immersioni, passeggiate a cavallo, gite in barca a vela, oppure praticare surf
Descrizione
Cayo Santa Maria è una piccola isola situata nella Baia de Buena Vista e si estende per 16 chilometri di lunghezza per soli 2 di larghezza. E’ situata nell’arcipelago “Jardin del Rey”, dichiarata Riserva della Biosfera dall’UNESCO.
Cayo Santa Maria si trova ad ovest di Cayo Coco e Cayo Guillermo ed è collegata con Cuba grazie ad una strada rialzata di circa 48 Km (chiamata in spagnolo Pedraplen). Per quanto riguarda il turismo, alberghi e spiagge sono situati lungo la costa nord, che si differenzia dal sud che è zona ricca di paludi. L’industria del turismo ha iniziato il suo maggiore sviluppo nel corso del 2001 con l’apertura del primo albergo, il Sol Cayo Santa Maria: da allora il numero di alberghi e villaggi è molto cresciuto. L’attrazione principale di Cayo de Santa Maria è senza ombra di dubbio la meravigliosa spiaggia, estesa per 13 Km, ideale per passeggiate, nuotate nel mare cristallino incontaminato e rilassarsi, mentre gli hotel sono collocati sul settore occidentale dell’isola.
Descrizione
Cienfuegos è una città che si trova sulla costa meridionale dell'isola di Cuba, capoluogo dell'omonima provincia. Si trova a circa 250 chilometri dalla capitale L'Avana ed ha una popolazione di circa 150.000 abitanti. La città, soprannominata La Perla del Sur, sorge in fondo ad una baia, all'ingresso della quale si trova la fortezza di Jagua (nome completo: Castillo de Nuestra Señora de los Angeles de Jagua), costruita nel 1745 come protezione dai pirati dei Caraibi. Cienfuegos è uno dei principali porti di Cuba, principalmente attivo nel commercio di zucchero, caffè e tabacco. L'influenza del colonialismo francese è evidente nell'architettura di piazze e palazzi in stile neoclassico fra i quali risaltano il Palacio de Valle, il Parque Martí, il Castillo de Jagua. Molto bella da visitare è la Baia di Cienfuegos che fa da scenario ad un'importante regata nautica che si tiene annualmente. Altrettanto interessante il giardino botanico con una collezione di palme riconosciuta mondialmente per la sua ricchezza di esemplari. La zona di Cienfuegos offre agli amanti del mare diverse strutture alberghiere che sorgono direttamente sulla spiaggia, tutte dotate di centro sub per immersioni essendo la barriera corallina fra le più ricche ed interessanti di Cuba.
Tra le attrazioni: Castillo de Nuestra Señora de los Ángeles de Jagua (fortezza) - Arco de Triunfo (l'unico arco di trionfo di Cuba) - Cathedral de la Purísima Conception (cattedrale costruita fra il 1833 e il 1869) - Delfinario - Jardín Botánico Soledad de Cienfuegos (un giardino botanico di 97 ettari) - Museo Provincial (museo delle porcellane e dell'arredamento) - Palacio de Valle (costruito in stile neogotico fra il 1913 e il 1917) - Palmira Yorubá Pantheon (museo del sincretismo religioso afro-cattolico) - Parque José Martí - Teatro dell'Opera Tomàs Terry (costruito nella seconda metà del XIX sec.: 1890, particolarmente interessanti i mosaici di facciata eseguiti dalla ditta Salviati di Venezia)
Descrizione
“San Cristobal de L’Avana”, il nome esatto della Capitale cubana, fondata nel 1515, conta ora più di due milioni d’abitanti ed è la più importante e popolosa città dei Caraibi tra le mete più importanti del turismo cubano. Il centro storico (“Habana Vieja”, “Havana Vecchia”) è stato dichiarato dall’UNESCO nel 1982 “Patrimonio Culturale dell’Umanità” decretando così la straordinaria importanza dei suoi monumenti più importanti, uno dei più integri ed autentici tesori architettonici ed urbanistici dell’epoca coloniale: tesoro ancora poco conosciuto e da scoprire. E’ suddivisa in 15 comuni e tra i maggiori luoghi d’interesse si ricordano: Malecón, il viale che corre lungo tutta la costa nord de L'Avana, collega i quartieri dell'Avana Vecchia al Centro - Plaza de la Catedral - Plaza de Armas - Plaza Vieja - Palacio de los Marquéses de Aguas Claras, del XVIII secolo - Paseo del Prado, punto d'intersezione di Prado con il Malecón - Università de L'Avana, con più di 200 anni di storia è stata il centro del pensiero rivoluzionario - Capitolio Nacional, la sede del Parlamento prima della rivoluzione - Museo di Arti Decorative - Academia Nacional de Bellas Artes. L’Avana è anche la città per eccellenza di Hemingway e solo qui si può rivivere la memoria : alla “Bodeguida del Medio” dove dissetarsi con il famoso “mojito” e al “Floridita” bevendo un “daiquiri” nel tempio a lui consacrato dal grande scrittore o alla famosa “Terraza di Cojimar, piccolo villaggio appena fuori l’Avana dove Hemingway attraccava con il suo yacht “Pilar”, accompagnato dal fedele Gregorio, da cui prese spunto per il suo capolavoro “Il Vecchio e il Mare”. Le notti dell’Avana ... alla fine del giorno che appiattisce tutte le forme, è il tramonto rosso, rosa, giallo che dà il segnale, avvolgendo la Caleta di San Lazzaro, stupenda mezzaluna aperta sullo stretto della Florida. Davanti al mare la linea degli edifici del Malecòn disegna il mezzo cerchio della baia, mentre la luce calante accentua i profili del fantastico porticato a colonne. Allora è difficile rinunciare ad un “mojito” o ad un “daiguiri”, magari con i gomiti appoggiati sul balcone di uno dei Bar più famosi del mondo, per perdersi più tardi fra i tipici piatti della cucina cubana in uno dei tanti famosi Ristoranti oppure, perché no, in uno dei tanti “Paladares”, tipiche trattorie familiari di recente istituzione. Si mangia tardi perché poi il dopo cena non ha mai fine... gli spettacoli sono santi, ma quello del “Tropicana” fa storia a sé, famoso nel mondo come il Crazy Horse” o il “Moulin Rouge”. L’Avana è una città giovane e divertente, da scoprire passo dopo passo mescolandosi all’allegria contagiosa dei suoi abitanti. E’ per questo che ad esempio in tutta Cuba si dice “alegre como su sol”: l’Avana, del sole dell’allegria e della notte, è la capitale.
Descrizione
Ubicata nell’ 0riente di Cuba, il litorale settentrionale della regione turistica di Holguin si estende per più di 40 Km, lungo una costa dalle caratteristiche eccezionali con 41 spiagge tra cui Guardalavaca e Playa Esmeralda, che si sono guadagnate una meritata fama all’interno della fitta concorrenza del mercato dei Caraibi. A nord-est di Holguin si trova Cayo Saetia, un autentico monumento naturale dotato di 12 spiagge totalmente vergini, mentre a sud-ovest della città sorge il Parco Nazionale La Mensura, a pinares de Mayarì, che mostra un impressionante contrasto tra la vegetazione tropicale di montagna e i folti boschi di pino. La Capitale archeologica di Cuba, Banes, la cosiddetta Villa Blanca di Gibara, e il capoluogo vero e proprio della provincia, Holguin, sono luoghi che accentuano il valore turistico di una regione che conserva gl’incanti e che sono oggetto di tanta ammirazione e meraviglia. Holguin è compresa fra le colline del Cerro de Mayabe e della Loma de la Cruz, due colline che si trovano nella provincia d’oriente, 100 km a nord di Santiago. La città (200.000 abitanti) gode di un clima favorevole, con temperature calde durante tutto l’arco dell’anno, e, tranne che nella stagione delle piogge (settembre) è sempre visitabile. E’ una cittadina moderna e ricca di parchi ed è un importante centro di comunicazione (stradale e aeroportuale), agricolo (produzione di cafè e canna da zucchero), grano turco e fagioli inoltre e un rilevante centro di industrie tessili. Ha visto un passaggio storico molto importante quale il periodo delle guerre d’indipendenza sotto la guida di Calixto Garcia. In provincia di Holguin è stato rinvenuto quasi tutto il materiale archeologico dell’isola. Occupa un ruolo di primo livello nella estrazione mineraria e l'industria della lavorazione e trasformazione di ferro, nickel, acciaio e cobalto i quali hanno un ruolo di grande importanza nell'economia della provincia. Da non dimenticare che la provincia di Holguin e molto famosa per la produzione della Birra Mayabe la migliore di Cuba. A tre Km dalla città, dalla cima della collina di La Loma de la Cruz, si può dominare la città e godere di un fantastico panorama. Ci si arriva tramite una lunga scalinata di 465 gradini o, per i più pigri, in auto. La città si sviluppa attorno a Calle Manduley e Calle Maceo, le due vie principali, ed è immersa nel verde dei numerosi parchi cittadini grazie ai quali si è meritata l'appellativo di “città dei parchi”.
Descrizione
Habana del Este è il termine spagnolo che caratterizza questa zona di spiaggia appunto all'Est dell'Avana ed include le zone di Alamar ,Boca Ciega, Tarara, Santa María del Mar e Guanabo. La bella ed ampia spiaggia in questa zona si estende per oltre 20 km, le strutture alberghiere sono concentrate a Santa Maria del Mar ed offrono a chi vi alloggia l'opportunità unica di godere del mare e della spiaggia pur rimanendo a soli 20 minuti dalla città dell'Avana , alternando quindi piacevoli giornate di mare alla visita della splendida città dell'Avana collegata ad ogni ora da taxi e bus. La spiaggia di Santa Maria del Mar ha acquistato una crescente popolarità fra gli amanti del Kitesurf, del surf e del windsurf. Le spiagge di Playa del Este coprono un tratto, per lo più ininterrotto, di sei chilometri da ovest verso est, alla periferia orientale di L’Avana. Esse sono suddivise con nomi diversi ma unite dallo stesso comune denominatore di acque turchesi e sabbie bianche che assieme alle rade palme danno quel tocco magico di tropicale. Per arrivare a le Playas del Este si segue la Via Monumental, uscendo da l’Avana in direzione est si svolta a sinistra per la stretta Vía Blanca e da qui si raggiungono in successione tutte le Playa del Este.
Descrizione
Santa Clara è un comune di Cuba, capoluogo della provincia di Villa Clara (che insieme alle province di Cienfuegos e Sancti Spiritus faceva parte della vecchia provincia di Las Villas). Fu fondata il 15 luglio 1689, questo centro di commercio e snodo di trasporti stradali e ferroviari, oltreché sede di un aeroporto, ha una popolazione stimata di 217 000 abitanti, secondo il censimento del 1994. L'allevamento fu l'attività principale della città fino al XIX secolo, quando fu sostituita dalla coltivazione della canna da zucchero. La lavorazione e la commercializzazione del tabacco è ora una delle attività principali. Troviamo molti luoghi nel ricordo di Ernesto Che Guevara, tra i quali anche un Mausoleo a lui dedicato, diviso in 2 due parti: la prima zona ospita, dall'agosto 1997, le tombe di Ernesto Guevara e di sei suoi compagni caduti in Bolivia e di 14 combattenti uccisi in Guatemala. La seconda zona è dedicata ad un foto cronistoria della vita del Che fin dai primi anni di vita, integrando le foto ad oggetti di proprietà del combattente e di uso comune durante la sua attività come medico nel sud di Cuba all'epoca dello sbarco con Fidel Castro. Santa Clara è una città in costante crescita con interessanti tradizioni sociali e culturali che contribuiscono allo sviluppo economico e turistico. Consigliato per chi vuol conoscere Cuba e dedicare una sosta alla bella e vivace città di Santa Clara per poi rilassarsi sulla bella spiaggia di Cayo Santa Maria.
Descrizione
Fondata circa nel 1515 dal Governatore Diego Velasquez, Santiago è stata la prima capitale di Cuba, dal 1522 al 1553. Con quasi mezzo milione di abitanti, è la seconda città cubana e una delle più antiche di tutta l'isola. Cominciò a crescere adattando il proprio tracciato architettonico alle irregolarità del terreno e lasciando in alcune costruzioni l’impronta di una forte tradizione ispanica. È particolarmente famosa per la sua vivacità culturale, in particolare per quanto riguarda la musica, in quanto ospita più di un festival di musica cubana. La sua importanza in questo campo è testimoniata dal fatto che Santiago è considerata la culla di generi musicali come il son ed il bolero latino americano; questa creatività deriva dalla forte componente afroamericana della popolazione. Ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita politico-militare dell'isola e più tardi della nazione; spesso oggetto di incursione piratesche, venne dotata di un porto ben munito e di fortificazioni, che al giorno d'oggi sono divenute attrazioni turistiche. La più famosa di queste è il Castello di San Pedro de la Roca, una fortezza che nel 1997 è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. La regione offre infrastrutture adatte a tutte le esigenze, oltre ad un paesaggio naturale senza pari.
Descrizione
Trinidad è una città cubana di circa 75.000 abitanti della provincia centrale di Sancti Spíritus. Vicina a Valle de Los Ingenios, è un luogo dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO fin dal 1988. Fu fondata da Diego Velázquez de Cuéllar nel 1514 con il nome di Villa De la Santísima Trinidad ed è una delle città meglio conservate di tutti i Caraibi, dall'epoca nella quale lo zucchero era il principale commercio in questo luoghi. La parte più vecchia della città è quella meglio preservata ed è oggetto di visite turistiche da parte di tour organizzati. Al contrario, diverse zone al di fuori della parte più turistica, anche molto centrali, versano in stato di semi-abbandono e sono lo specchio di un disagio diffuso nella città e in tutto il Paese. Sono i resti del periodo coloniale e schiavista, nel quale fiorì Trinidad, ad essere la principale attrazione dei visitatori ed il motivo stesso del prestigioso riconoscimento che l'UNESCO ha conferito alla città, oltre a tutta l'area circostante direttamente adibita alla coltivazione della canna da zucchero (la Valle de los Ingenios). Oggi la risorsa economica principale di questi luoghi è costituita dalla lavorazione del tabacco. Fuori dalla città c'è la famosa penisola di Ancón con una rinomata e ampia spiaggia di sabbia (Playa Ancón) sulla quale sorge un complesso turistico, fra i primi nati dopo la rivoluzione del 1959.
Descrizione
La città di Varadero, chiamata anche "Playa Azul" (Spiaggia Azzurra), è una delle più note località dell'Isola di Cuba e meta turistica di grande importanza. Si trova nella parte più settentrionale della provincia di Matanzas sulla Penisola di Hicacos (appena 1,2 km di larghezza), separata dal resto dell'Isola di Cuba dal Canale Kawama. e conta circa 25.000 abitanti. La penisola di Hicacos fu scoperta nel 1508 durante un viaggio di esplorazione comandato dallo spagnolo Sebastian de Ocampo. I conquistatori cacciarono gli indigeni durante il XVI secolo e usarono il luogo come bacino di carenaggio e per saline, che fornirono la flotta spagnola fino poi al 1961. Le grotte naturali della penisola servirono da nascondiglio di pirati e fuggitivi. Alla fine del XIX secolo furono costruiti i primi edifici a scopo ricreativo per le vacanze estive dell' alta società della vicina Cardenas, e fu costruito anche, nel 1915 il primo hotel che aveva il nome "Varadero". L' ascesa di Varadero come località turistica si ebbe negli anni venti e anni trenta, quando arrivarono numerosi cubani e nordamericani facoltosi che stabilirono a Varadero la propria residenza nei pressi delle spiagge. Tra di loro spiccano i nomi di Irénée du Pont, discendente del fondatore della DuPont, Al Capone e il dittatore Fulgencio Batista. Bagnata dalle acque dello stretto della Florida con oltre 22 Km d’eccellenti spiagge, rimane tutto ora l’unico mare al mondo a cinque colori e l’unico luogo dove si può guardare l’orizzonte senza essere disturbati dalle barche; le sue acque sono azzurre, limpide, trasparenti ed incontaminate, la sua sabbia bianca e finissima al punto di abbagliare. Nella porzione più orientale di Varadero la flora e la fauna sono endemiche, costituendo un attrattivo addizionale con le grotte, le dune, i laghetti, i cayos adiacenti e i siti archeologici e storici completano il magnifico paesaggio di Varadero. Arricchita da una piantina alberghiera molto giovane e dedicata in particolar modo al turismo d’alto livello, supera le 12000 camere, possiede anche condizioni eccezionali per il turismo d’eventi d’incentivazione che è favorito dal centro congressuale “Plaza America” rappresentando un valore aggiunto per la località. Il turismo proveniente dall'Italia costituisce una importante risorsa ormai consolidata per Cuba e Varadero, essendosi posizionata al secondo posto per numero di visitatori su base annua che arrivano su questa Isola. Oltre a questo Varadero possiede innumerevoli centri notturni, l’unico campo da golf professionale esistente sull’isola ed un’ampia rete di servizi gastronomici e ricreativi.
Dista 30 Km da Atena de Cuba e possiede un Aeroporto Internazionale a solo pochi minuti dalle bianchissime spiagge e a 2 ore dall’Avana.
Descrizione
La Valle di Viñales è stata dichiarata Patrimonio Culturale dell'Umanità e si può considerare uno dei luoghi più noti dell'Isola di Cuba. La valle, ricca di palmeti e piantagioni, è circondata dai singolari promontori "Mogotes" che si ergono con cime arrotondate, così da creare un panorama molto suggestivo.
La Cueva del Indio (Grotta dell'Indio ), attraversata dal fiume in parte navigabile, San Juan, e quella di Juan Miguel, entrambe in prossimità delle caverne Santo Tomás, con oltre 45 km. di gallerie, costituiscono un attrattiva di inestimabile valore per percorsi e camminate nell'ambito del turismo ecologico . Uno dei percorsi più affascinanti è senza subbio l'”Acuaticos”, che dalla Sierra dell'Inferno conduce alla Valle de Dos Hermanas, dove si erge un enorme Mogote sul quale gli studenti di antropologia dell'Università dell'Avana affrescano ogni anno un gigantesco murales raffigurante scene del periodo preistorico. Con queste caratteristiche si distingue come uno dei panorami naturali più affascinanti di Cuba.