Tour Colombia
Condividi su:

partenze in date fisse minimo 2 persone - guide condivise in italiano
partenze giornaliere minimo 1 persona - guide private in italiano

  • località

    BOGOTÀ - POPAYAN - SILVIA - SAN AGUSTIN - NEIVA - CARTAGENA

    Località: BOGOTÀ / POPAYAN / SILVIA / SAN AGUSTIN / NEIVA / CARTAGENA
  • itinerario

    1° giorno BOGOTÀ
    Arrivo a Bogotá, incontro con la guida e trasferimento in hotel. Sistemazione nella camera riservata, cena libera e pernottamento.

    2° giorno BOGOTÀ (colazione)
    Visita a piedi con guida privata del centro storico, conosciuto come “La Candelaria”; il centro riunisce un insieme di antichi quartieri che raccolgono un importante patrimonio architettonico, tra cui la rinomata Plaza Bolivar al centro della quale si trova la statua di Simon Bolivar il Libertador, la Capilla del Sagrario, il Capitolio. La passeggiata prosegue verso il Palazzo di Giustizia e la sede dell’Alcaldia Mayor (o Edificio Lievano). In seguito visita del Museo Botero e il Museo “del Oro” che presenta circa 34.000 pezzi di oggetti in oro e che per questo è considerato il museo con la collezione più importante del mondo nel suo genere. Al termine rientro in hotel e pranzo libero. Pomeriggio a disposizione per relax o attività di interesse personale. Cena libera e pernottamento.

    3° giorno BOGOTÀ/POPAYAN (colazione)
    Trasferimento in tempo utile in aeroporto e partenza con volo per Popayan. Arrivo, incontro con il personale di assistenza e trasferimento in hotel. Mezza giornata di visita del centro storico della città in particolare si visiterà il Parque Caldas, nato con la città nel 1537, intorno al quale furono eretti i principali edifici religiosi, di governo e dei fondatori tra cui la Torre del Reloj; quest’ultima, considerata il simbolo della città, fu costruita tra il 1637 e il 1682 e il suo orologio - di fabbricazione inglese, è stato collocato del 1737. Proseguimento per il Puente de Humilladero, costruito nel 1873 per facilitare l’accesso tra il centro della città e il El Callejon (oggi chiamato Barrio Bolivar) la cui strada era un tempo così ripida da costringere la salita quasi in ginocchio! In seguito visita del Morro di Tulcan, il principale sito archeologico di Popayan, rappresentato dalla piramide risalente all’epoca precolombiana. In seguito visita della Iglesia di Santo Domingo, in stile barocco, disegnata dall’architetto spagnolo Antonio Garcia per ordine della famiglia Arboleda; si vedrà inoltre la chiesa di San Francisco, in stile barocco, considerata la più bella della città e il Panteon del Los Proceres. Infine visita del Museo de Arte Religioso che raccoglie una bella collezione di arte sacra e la Casa Museo Mosquera, una dimora del settecento, abitazione del Generale Tomas Cipriano del Mosquera, personaggio storico e politico, nominato quattro volte alla presidenza del Paese. Al termine rientro in hotel e pasti liberi. Pernottamento.

    4° giorno POPAYAN/SILVIA/SAN AGUSTIN (colazione)
    partenza in direzione del villaggio di Silvia, situato in zona montagnosa circondata da vaste piantagioni di canna da zucchero. Ogni martedì Silvia ospita un vivace e pittoresco mercatino animato dalla comunità indigena di Guambiano. Artigiani e agricoltori, vestiti con i loro abiti tradizionali “anacos” (gonna azzurra al ginocchio), scendono a valle per vendere i loro prodotti: frutta, verdura, ortaggi e pezzi di artigianato. Tempo a disposizione per assaporare l’atmosfera e per eventuali compere. Al termine, proseguimento verso San Agustin (circa 6 ore); arrivo a sistemazione in hotel. Pasti liberi e pernottamento.

    5° giorno SAN AGUSTIN (colazione)
    Durante la mattinata visita al Parco Archeologico di San Agustin, in particolare la Mesita A, B, C e D della Fuente Ceremonial del Lavapatas e il Museo archeologico. Pranzo libero. Nel pomeriggio, visita dello stretto del fiume Maddalena, spettacolare gola rocciosa che costringe il passaggio del fiume lungo uno stretto di soli 2,20 metri. Rientro in hotel, cena libera e pernottamento.

    6° giorno SAN AGUSTIN/NEIVA/BOGOTÀ/CARTAGENA (colazione)
    Trasferimento all’aeroporto di Neiva (circa 5-6 ore) e partenza per Cartagena. All’arrivo trasferimento in hotel, sistemazione e tempo a disposizione. Pasti liberi e pernottamento.

    7° giorno CARTAGENA (colazione)
    Mattinata dedicata alla visita della città con sosta al Monastero e Chiesa della Popa, costruito nel 1606, si eleva sull’unico promontorio della zona chiamato la Popa del Galeon. Proseguimento della visita con il Castello di San Felipe di Barajas, la città vecchia e il centro artigianale di “Las Bovedas”. Pranzo libero. Pomeriggio a disposizione per relax o visite di interesse personale. Cena libera e pernottamento.

    8° giorno CARTAGENA (colazione)
    Giornata a disposizione per relax o visite di interesse personale. pasti liberi e pernottamento.

    9° giorno CARTAGENA (colazione)
    Trasferimento in tempo utile per l’imbarco sul volo di rientro. Termine dei nostri servizi.

  •   

     
    partenze 2019: 10/08 - 07/09 - 05/10 - 16/11 - 07/12
    partenze 2020: 25/01 - 15/02 - 14/03 - 18/04 - 09/05 - 06/06 - 11/07 - 08/08 - 05/09 - 17/10 - 14/11 - 05/12

    le partenze in date fisse includono: 8 notti in hotel in camera doppia con sevizi privati - Escursioni e trasporto come indicato nel programma con servizi condivisi con altri turisti italiani - Trasporto con auto e/o minibus-bus in base al numero dei partecipanti - Partenza nelle date indicate con minimo 2 persone - Assistenza di guide locali parlante italiano in tutte le località – assicurazione medico/bagaglio

    le partenze giornaliere includono: 8 notti in hotel in camera doppia con sevizi privati - Escursioni e trasporto come indicato nel programma con servizi privati - Trasporto con auto e/o minibus-bus in base al numero dei partecipanti – Partenze giornaliere con minimo 1 persona - Assistenza di guide locali parlante italiano in tutte le località – assicurazione medico/bagaglio

      

Richiedi la prenotazione

dal
al
Adulti 2
Bambini 0
  • Colombia - Informazioni Utili


    Fuso orario: 6 rispetto all’ora solare; - 7quando e’ in vigore l’ora legale
    telefono: Il prefisso telefonico internazionale per la Colombia è 0057
    valuta: La moneta locale è il Peso colombiano che ha un valore fluttuante in relazione al dollaro. Ad oggi 1 euro equivale a circa 2.665 pesos colombiani. La valuta estera, può essere cambiata presso le banche e i cambiavalute, però' è' preferibile utilizzare dollari o, ancora meglio, carte di credito. Praticamente tutti i grandi magazzini, ristoranti e negozi accettano le carte di credito internazionali.
    Passaporto: Passaporto con validità minima di almeno 6 mesi
    vaccinazioni: Per le città e le località di mare non è richiesta nessuna vaccinazione, mentre per alcune zone (es.Amazzonia) è richiesta la vaccinazione antimalarica e la febbre gialla. Per essere sempre aggiornati vi consigliamo di contattare l'ufficio di igene della vostra città.
    elettricità: 110 volt. Le prese sono di tipo americano con spina piatta a due entrate. Consigliamo munirsi di adattatore
    lingua: La lingua ufficiale è lo spagnolo, ma l’inglese è molto diffuso negli alberghi e nel settore turistico.
    Clima: Equatoriale e temperato, con periodi secchi da dicembre a febbraio; molto variabile negli altri periodi. La temperatura media nella capitale (2.600 m s.l.m.) è di 14 gradi. TEMPEATURE MEDIE: Colombia/Bogotà 14,4°C (14°C d'inverno, 14°C d'estate), Barranquilla 28°C (26,5 in inverno, 28,5 in estate)

    Località raggiunte dal tour

    Bogotà
    Descrizione: Bogotà è la capitale della Colombia, si trova nel centro del Paese su un vasto altopiano delle Ande a 2.600 metri sul livello del mare e ha una popolazione di quasi otto milioni di persone provenienti da tutto il mondo. È una città che riflette le diversità culturali della Colombia, è il centro culturale più importante di questo Paese e un luogo ricco di siti da visitare e di attività da svolgere. Bogotà è una città di mostre permanenti di arte di tutte le epoche, di musei religiosi, scientifici, tecnologici e anche di molti spazi interattivi. Il Museo dell’Oro ed il Museo di Botero sono due meraviglie indimenticabili. È inoltre possibile visitare una delle grandi biblioteche della città, vedere uno spettacolo teatrale, assistere ad un grande concerto o un piccolo recital privato, visitare uno dei tanti centri commerciali o fare una passeggiata nel centro storico La Candelaria. Bogotà è una città per tutti, ci sono attività per tutti i gusti. Dispone di locali notturni alla moda e di diversi stili e impostazioni: moderne e grandi discoteche, bar, pub, fabbriche di birra artigianali e club dove il divertimento e il ballo sono il fattore primario.

    Cartagena
    Descrizione: Fondata nel 1533 da don Pedro de Heredia, Cartagena de Indias ebbe la funzione di centro commerciale durante la dominazione spagnola. Oppressa da costanti assedi che dettarono la sua straordinaria architettura caratterizzata da grosse muraglie, fortini e bastioni. Grazie a quella eredità, Cartagena è oggi una tra le città più belle. Ma non solo, Cartagena offre ai suoi visitatori anche spiagge, mare e notti cariche di atmosfera tropicale. La città vecchia conserva tutto il fascino dell’epoca coloniale, con le viuzze fiancheggiate da portoni e balconi. Tra le antiche case coloniali meritano speciale attenzione il Bodegon de la Candelaria e la Casa del Marchese de Valdehoyos. Altre eleganti case tradizionali sono la Casa del Marchese de Premio Real, la sede del Museo dell’Oro e la Casa Skandia. Le principali spiagge di Cartagena sono quelle di El Laguito e Bocagrande, dotate di alberghi, ristoranti, bar e negozi Sulla spiaggia non si può non assaggiare la squisita frutta tropicale che vendono le palenqueras, donne che portano sulla testa la loro merce in grandi catini. E’ senz’altro la maniera più gradevole di calmare la sete mentre si gode il sole e il mare.

    Popayan
    Descrizione: Rinomata come la Ciudad Blanca per tutte le facciate degli edifici color bianco gesso. La città propone un clima mite e piacevole tutto l'anno, proprio per questo motivo anticamente le grandi famiglie spagnole si recavano qui. Agli inizi del XVII secolo venne intrapresa la costruzione di edifici sacri, abitazioni, palazzi e scuole. Purtroppo un terribile terremoto colpì la città alle fine del XX secolo, sono stati impiegati una ventina d'anni per il restauro del patrimonio storico. Interessanti le chiese di Popayan: La Iglesia de San Francisco è la più grande e la più bella chiesa della città. La Iglesia La Ermita, la più antica della città, propone antichi affreschi Inoltre meritano una visita la Iglesia de Santo Domingo, la Iglesia de San Josè e la Iglesia de San Agustìn. A seguire la Casa Museo Mosquera ubicata in un edificio risalente al '700 ed antica dimora del generale Tomàs Cipriano.

    San Agustin
    Descrizione: Anticamente era abitato da una civiltà che, proprio qui, usava celebrare i morti e ne onorava la memoria con imponenti statue in pietra. Poco si conosce di questo popolo che svanì nel nulla prima dell'arrivo degli europei nel territorio. Oggi si possono ammirare circa 500 statue lasciate dai primi abitanti del luogo. Si tratta prevalentemente di raffigurazioni monumentali antropomorfe, talune realistiche altre prettamente irreali e somiglianti a figure mostruose, inoltre alcune sono animali sacri. Sono state ritrovate anche ceramiche e oggetti realizzati in oro all'interno di tombe appartenute ai capi tribù. Le statue sono sparse un pò ovunque e la maggior parte distribuite in gruppi. Il sito più importante è senza dubbio il Parque Arqueològico, che contiene anche un museo. All'interno del parco è stata scavata la Fuente de Lavapatas, un complesso di canali e vasche a terrazza dove scorre un ruscello e sono rappresentate varie immagini. Sulla riva opposta del Rio Magdalena vi è il secondo parco archeologico dove giace la più grande di queste statue con i suoi 7 metri di altezza.

    Silvia
    Descrizione: Località tipicamente montana e molto caratteristica. La città è il centro della regione degli indios guambiano, uno dei gruppi etnici fra i più tradizionali del paese. Si tratta di un popolo legato strenuamente alle proprie radici, la loro caratteristica è indossare gli abiti della loro cultura e sono dediti all'agricoltura, lavorando ancora con strumenti molto rudimentali. Si recano in città il giorno di mercato, il martedì, per vendere i loro prodotti artigianali e proprio in quel giorno è consigliato visitare la cittadina, proprio per assaporare in pieno la cultura del posto.