Tour Cuba
Condividi su:

partenze giornaliere - guida privata al seguito parlate italiano

  • città

    città

    Località: HAVANA / SANTA CLARA / TRINIDAD / SANCTI SPIRITUS / CAMAGUEY / BAYAMO / SANTIAGO DE CUBA / VARADERO / HAVANA
  • itinerario

    01 giorno HAVANA
    Arrivo all’aeroporto di Josè Marti de Havana, incontro con il nostro assistente e trasferimento presso la struttura. Pernottamento.

    02 giorno HAVANA (colazione, pranzo)
    Visita della città con guida in lingua italiana. Si inizia con un giro in auto d'epoca anni '50 per visitare i quartieri del Vedado, Plaza de la Revolucion, Miramar, lo storico Hotel Nacional il Morro ed Habana centro. Si proseguirà l'escursione a piedi per visitare Habana Vieja, patrimonio mondiale dell'Umanità: Plaza de la Catedral, Plaza de Armas, Plaza de San Francisco de Asis e Plaza Vecchia. Pranzo in ristorante ad Havana Vieja. Pomeriggio libero e rientro in struttura in autonomia a cura del Cliente. Pernottamento.
    03 giorno HAVANA (colazione, cena)
    Giornata libera. Potrete visitare numerosi musei o programmare diverse escursioni. La sera, cena con bevande incluse in un tipico locale con show di musica cubana dal vivo dei Buenavista Social Club (trasferimento da/per il ristorante in autonomia a cura del cliente). Pernottamento.

    04 giorno HAVANA/SANTA CLARA/TRINIDAD (colazione, box lunch, cena)
    Intorno alle ore 8.30 partenza per Trinidad. Sosta nella città di Santa Clara per visitare: Plaza de la Revolución Ernesto Che Guevara, sede del museo e del Memoriale che porta il suo nome, dove riposano i resti dell’eroico guerrigliero (mausoleo chiuso il lunedì); il Monumento al Treno Blindato fatto deragliare nel corso della rivoluzione contro Fulgencio Batista. Sosta per il pranzo al sacco. Nel pomeriggio arrivo a Trinidad e sistemazione nella struttura. Iniziate a conoscere e godervi questa magica città dall’intenso “sabor de Cuba”. Cena e pernottamento.

    05 giorno TRINIDAD (colazione, pranzo, cena)
    Escursione nella splendida città patrimonio dell’UNESCO dal 1988. Trinidad vi accoglierà fra le sue stradine in pietra per le quali non vi stancherete di passeggiare accompagnati dalle note del son provenienti dai bar. Potrete sorseggiare una birra gelata o uno dei famosi cocktails cubani; da provare la “canchánchara” bevanda tipicamente trinitaria a base di aguardiente, miele e limone, da gustare nell’omonimo locale (ottima musica dal vivo dalle 10 del mattino) situato nei pressi di Plaza Major. Pranzo presso un ristorante tipico. Pomeriggio libero. Cena e pernottamento.

    06 giorno TRINIDAD/VALLE DE LOS INGENIOS/SANCTI SPIRITUS/CAMAGUEY (colazione, box lunch, cena)
    Verso le ore 8.30 partenza per Camaguey. Durante il tragitto breve sosta alla Valle de los Ingenios, una delle zone più prospere di Cuba, dove si potranno osservare i vecchi zuccherifici risalenti al XIX secolo e alla città coloniale di Sancti Spíritus, la quarta più antica di Cuba, fondata da Velázquez e riconosciuta soprattutto perché le sue donne iniziarono a confezionare comode camicie da lavoro, le guayaberas, diventate famose in tutto il mondo. Sosta per il pranzo al sacco. Arrivo a Camaguey, visita panoramica della città e sistemazione in struttura. Cena e pernottamento.

    07 giorno CAMAGUEY/BAYAMO/SANTIAGO DE CUBA (colazione, cena)
    Ore 8.30 partenza per Santiago de Cuba con sosta per la visita di Bayamo, la seconda città più antica di Cuba, fondata nel 1513 da Diego Velázquez. Nel pomeriggio arrivo a Santiago de Cuba e sistemazione in struttura. Cena e pernottamento.

    08 giorno SANTIAGO DE CUBA (colazione, pranzo)
    Ore 09.00 inizio della visita di Santiago de Cuba, una delle città più antiche dell’isola fondata da Velázquez; Visita alla Caserma Moncada e al Parco Céspedes autentico trionfo di architettura coloniale. Proseguimento per il Museo della Pirateria che raccoglie oggetti dell’epoca e narra la storia degli innumerevoli attacchi subiti dalla città e al Castello del Morro inserito nel 1997 dall’UNESCO tra i siti Patrimonio dell’Umanità. Pranzo in corso di escursione. Nel pomeriggio visita al
    Cimitero di Santa Ifigenia che custodisce le spoglie di molti personaggi illustri come l’eroe e poeta
    nazionale, Josè Martì e alla Casa di Diego Velázquez uno degli edifici più antichi di tutta Cuba, residenza ufficiale del primo governatore. Al termine rientro in struttura. Pernottamento.

    09 giorno SANTIAGO DE CUBA/HAVANA/VARADERO (colazione, cena)
    Circa 4 ore prima della partenza del volo, trasferimento all’aeroporto di Santiago per prendere il volo verso Havana. (la guida vi lascerà a Santiago de Cuba). Arrivo e trasferimento (solo con autista) a Varadero nella struttura prenotata. Arrivo e sistemazione nelle camere riservate con trattamento di all-inclusive Pernottamento.

    10/11 giorno VARADERO (all inclusive)
    Giornate a disposizione per attività balneari o escursioni facoltative.

    12 giorno VARADERO/HAVANA (colazione)
    Circa 6 ore prima della partenza del volo, trasferimento in aeroporto A Havana per prendere il volo di rientro. Assistenza in aeroporto e termine dei nostri servizi.

  •   

    Tour "Cuba Linda con Varadero"
    Partenze giornaliere

    prezzi per persona

    n. persone doppia  riduzione
    3° letto adulto

    riduzione
    3° letto 
    0/11 anni

    supplemento singola
    2/3 persone 2.667 389 903 924
    4/6 persone 2.014 292 681 696
    supplemento partenza di Pasqua 167
    supplemento partenze dal 05 al 18 agosto 139

    Incluso: volo interno Santiago/Havana - 3 notti a Havana con prima colazione - 2 notti a Trinidad con prima colazione – 1 notte a Camaguey con prima colazione - 2 notti a Santiago de Cuba con prima colazione - 3 notti a Varadero con formula all inclusive - 5 pranzi in corso di escursione – 5 cene - trasferimenti, visite ed escursioni con servizio privato e guida in italiano – Assistenza in lingua italiana h24 – assicurazione medico/bagaglio.

    Non incluso: volo intercontinentale – tasse aeroportuali - visto turistico - mance e facchinaggi - bevande non espressamente indicate – pasti non espressamente indicati – assicurazione annullamento

  • Cuba - Informazioni Utili


    Descrizione: L' arcipelago Cubano fu scoperto il 27/10/1492 da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio verso quello che poi fu chiamato Nuovo Mondo. Le prime citta' furono fondate nei primi anni del XVI secolo dal Governatore Diego Velazquez, che diresse la conquista del Paese. Tali citta' sono: Baracoa, Bayamo, Santiago de Cuba, Trinidad, Santi Spiritus, Santa Maria del Puerto del Principe ( Camaguey) e San Cristobal de la Habana. Il dominio spagnolo duro' piu' di quattro secoli e termino' con la occupazione militare del paese da parte degli Stati Uniti nel 1898 fino al 1902, quando fu instaurata una Repubblica neocoloniale. L' arcipelago cubano e' formato dall' isola di Cuba, della gioventu' e da circa 4.195 isolotti che occupano una superficie di 110.992 kmq. Dista 140 km. dalle Bahamas, 180 km. dalla Florida e 210 km da Cancun. Cuba è un’isola lunga e stretta ( 1.200 Km dal Cabo di San Antonio estremità occidentale) alla Punta de Maisì, estremità orientale) la larghezza massima e di 210 Km. e quella minima di 32 Km.. Predominano le pianure e vi sono quattro gruppi montuosi importanti: a ovest, la Cordigliera di Guaniguanico, al centro , la Cordigliera di Guamuhaya, a est, il massiccio Sagua-Baracoa e la Sierra Maestra , nella quale si trova la vetta più alta del paese: il Pico Real del Turquino, alto 1.974 metri. Il paesaggio è vario e va dal semideserto ai boschi tropicali umidi. La biodiversità del paese è alta e i suoi svariati ecosistemi si trovano in ottimo stato di conservazione.

    Località raggiunte dal tour

    Bayamo
    Descrizione: La provincia di Granma, attraversata dal fiume più lungo di Cuba, il rio Cauto, offre uno dei paesaggi più ricchi dell'Isola per appassionati di fotografia. Lagune e zone palustri si alternano in un paesaggio che forma uno degli scenari naturali più belli del Paese. A sud si erge maestosa la Sierra Maestra, le cui montagne ricche di vegetazione, cadono sul Mar del Caribe. Qui si trova Bayamo, capitale della regione, piccola e pittoresca città con stradine strette e case coloniali che confermano un passato ed un presente artistico in grado di collocarla tra le città cubane più ricche di cultura. Una prerogativa è che la città possiede ancora carri trainati da cavalli chiamati "coches" usati come taxi oltre che per giri turistici. Seconda città fondata dagli spagnoli nel 1512, visse di contrabbando e pirateria. Bayamo vanta anche il titolo di Monumento Nazionale per l'atto eroico compiuto dai cittadini quando preferirono incendiarla piuttosto che consegnarla ai colonizzatori spagnoli. Si trovano siti ed edificazioni legati alle prime gesta indipendentistiche della nazione cubana: la "Piazza dell'Inno", dove per la prima volta silevarono le note e le parole dell'attuale inno nazionale, la Cattedrale di Bayamo con la Cappella de Dolores del 1740 la cui "pala d'altare" in stile barocco è oggi una delle più belle del Paese, la casa natale di Carlos Manuel de Cespedes con reperti e tesori dell'epoca coloniale e la "Casa della Nazionalità Cubana" di grande valore documentale. Nella zona sono presenti innumerevoli siti archeologici relativi agli Indios ed il sentiero di "El guafe", unico in questo tipo di Paese, dove si trovano geroglifici ed altri importanti reperti sulla presenza della cultura "agroalfanera" in questa zona

    Camaguey
    Descrizione: conta oggi circa 300.000 abitanti, ed è la terza città cubana e capoluogo dell'omonima provincia che si estende dal centro dell'isola verso oriente. Il nucleo originario si trovava sulla costa settentrionale presso la baia di Nuevitas, ma per difendersi dai pirati la città fu ricostruita nell'attuale sito, una piana compresa tra i fiumi Hatibonico e Tinima, affluenti del fiume San Pedro. Il territorio pianeggiante e fertile tipico della zona, ha facilitato le attività agricole, l'allevamento, così come i trasporti, più che in ogni altra parte di Cuba, facendone così una delle zone più ricche del Paese

    Havana
    Descrizione: “San Cristobal de L’Avana”, il nome esatto della Capitale cubana, fondata nel 1515, conta ora più di due milioni d’abitanti ed è la più importante e popolosa città dei Caraibi tra le mete più importanti del turismo cubano. Il centro storico (“Habana Vieja”, “Havana Vecchia”) è stato dichiarato dall’UNESCO nel 1982 “Patrimonio Culturale dell’Umanità” decretando così la straordinaria importanza dei suoi monumenti più importanti, uno dei più integri ed autentici tesori architettonici ed urbanistici dell’epoca coloniale: tesoro ancora poco conosciuto e da scoprire. E’ suddivisa in 15 comuni e tra i maggiori luoghi d’interesse si ricordano: Malecón, il viale che corre lungo tutta la costa nord de L'Avana, collega i quartieri dell'Avana Vecchia al Centro - Plaza de la Catedral - Plaza de Armas - Plaza Vieja - Palacio de los Marquéses de Aguas Claras, del XVIII secolo - Paseo del Prado, punto d'intersezione di Prado con il Malecón - Università de L'Avana, con più di 200 anni di storia è stata il centro del pensiero rivoluzionario - Capitolio Nacional, la sede del Parlamento prima della rivoluzione - Museo di Arti Decorative - Academia Nacional de Bellas Artes. L’Avana è anche la città per eccellenza di Hemingway e solo qui si può rivivere la memoria : alla “Bodeguida del Medio” dove dissetarsi con il famoso “mojito” e al “Floridita” bevendo un “daiquiri” nel tempio a lui consacrato dal grande scrittore o alla famosa “Terraza di Cojimar, piccolo villaggio appena fuori l’Avana dove Hemingway attraccava con il suo yacht “Pilar”, accompagnato dal fedele Gregorio, da cui prese spunto per il suo capolavoro “Il Vecchio e il Mare”. Le notti dell’Avana ... alla fine del giorno che appiattisce tutte le forme, è il tramonto rosso, rosa, giallo che dà il segnale, avvolgendo la Caleta di San Lazzaro, stupenda mezzaluna aperta sullo stretto della Florida. Davanti al mare la linea degli edifici del Malecòn disegna il mezzo cerchio della baia, mentre la luce calante accentua i profili del fantastico porticato a colonne. Allora è difficile rinunciare ad un “mojito” o ad un “daiguiri”, magari con i gomiti appoggiati sul balcone di uno dei Bar più famosi del mondo, per perdersi più tardi fra i tipici piatti della cucina cubana in uno dei tanti famosi Ristoranti oppure, perché no, in uno dei tanti “Paladares”, tipiche trattorie familiari di recente istituzione. Si mangia tardi perché poi il dopo cena non ha mai fine... gli spettacoli sono santi, ma quello del “Tropicana” fa storia a sé, famoso nel mondo come il Crazy Horse” o il “Moulin Rouge”. L’Avana è una città giovane e divertente, da scoprire passo dopo passo mescolandosi all’allegria contagiosa dei suoi abitanti. E’ per questo che ad esempio in tutta Cuba si dice “alegre como su sol”: l’Avana, del sole dell’allegria e della notte, è la capitale.

    Santa Clara
    Descrizione: Santa Clara è un comune di Cuba, capoluogo della provincia di Villa Clara (che insieme alle province di Cienfuegos e Sancti Spiritus faceva parte della vecchia provincia di Las Villas). Fu fondata il 15 luglio 1689, questo centro di commercio e snodo di trasporti stradali e ferroviari, oltreché sede di un aeroporto, ha una popolazione stimata di 217 000 abitanti, secondo il censimento del 1994. L'allevamento fu l'attività principale della città fino al XIX secolo, quando fu sostituita dalla coltivazione della canna da zucchero. La lavorazione e la commercializzazione del tabacco è ora una delle attività principali. Troviamo molti luoghi nel ricordo di Ernesto Che Guevara, tra i quali anche un Mausoleo a lui dedicato, diviso in 2 due parti: la prima zona ospita, dall'agosto 1997, le tombe di Ernesto Guevara e di sei suoi compagni caduti in Bolivia e di 14 combattenti uccisi in Guatemala. La seconda zona è dedicata ad un foto cronistoria della vita del Che fin dai primi anni di vita, integrando le foto ad oggetti di proprietà del combattente e di uso comune durante la sua attività come medico nel sud di Cuba all'epoca dello sbarco con Fidel Castro. Santa Clara è una città in costante crescita con interessanti tradizioni sociali e culturali che contribuiscono allo sviluppo economico e turistico. Consigliato per chi vuol conoscere Cuba e dedicare una sosta alla bella e vivace città di Santa Clara per poi rilassarsi sulla bella spiaggia di Cayo Santa Maria.

    Santiago de Cuba
    Descrizione: Fondata circa nel 1515 dal Governatore Diego Velasquez, Santiago è stata la prima capitale di Cuba, dal 1522 al 1553. Con quasi mezzo milione di abitanti, è la seconda città cubana e una delle più antiche di tutta l'isola. Cominciò a crescere adattando il proprio tracciato architettonico alle irregolarità del terreno e lasciando in alcune costruzioni l’impronta di una forte tradizione ispanica. È particolarmente famosa per la sua vivacità culturale, in particolare per quanto riguarda la musica, in quanto ospita più di un festival di musica cubana. La sua importanza in questo campo è testimoniata dal fatto che Santiago è considerata la culla di generi musicali come il son ed il bolero latino americano; questa creatività deriva dalla forte componente afroamericana della popolazione. Ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita politico-militare dell'isola e più tardi della nazione; spesso oggetto di incursione piratesche, venne dotata di un porto ben munito e di fortificazioni, che al giorno d'oggi sono divenute attrazioni turistiche. La più famosa di queste è il Castello di San Pedro de la Roca, una fortezza che nel 1997 è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. La regione offre infrastrutture adatte a tutte le esigenze, oltre ad un paesaggio naturale senza pari.

    Trinidad
    Descrizione: Trinidad è una città cubana di circa 75.000 abitanti della provincia centrale di Sancti Spíritus. Vicina a Valle de Los Ingenios, è un luogo dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO fin dal 1988. Fu fondata da Diego Velázquez de Cuéllar nel 1514 con il nome di Villa De la Santísima Trinidad ed è una delle città meglio conservate di tutti i Caraibi, dall'epoca nella quale lo zucchero era il principale commercio in questo luoghi. La parte più vecchia della città è quella meglio preservata ed è oggetto di visite turistiche da parte di tour organizzati. Al contrario, diverse zone al di fuori della parte più turistica, anche molto centrali, versano in stato di semi-abbandono e sono lo specchio di un disagio diffuso nella città e in tutto il Paese. Sono i resti del periodo coloniale e schiavista, nel quale fiorì Trinidad, ad essere la principale attrazione dei visitatori ed il motivo stesso del prestigioso riconoscimento che l'UNESCO ha conferito alla città, oltre a tutta l'area circostante direttamente adibita alla coltivazione della canna da zucchero (la Valle de los Ingenios). Oggi la risorsa economica principale di questi luoghi è costituita dalla lavorazione del tabacco. Fuori dalla città c'è la famosa penisola di Ancón con una rinomata e ampia spiaggia di sabbia (Playa Ancón) sulla quale sorge un complesso turistico, fra i primi nati dopo la rivoluzione del 1959.

    Varadero
    Descrizione: La città di Varadero, chiamata anche "Playa Azul" (Spiaggia Azzurra), è una delle più note località dell'Isola di Cuba e meta turistica di grande importanza. Si trova nella parte più settentrionale della provincia di Matanzas sulla Penisola di Hicacos (appena 1,2 km di larghezza), separata dal resto dell'Isola di Cuba dal Canale Kawama. e conta circa 25.000 abitanti. La penisola di Hicacos fu scoperta nel 1508 durante un viaggio di esplorazione comandato dallo spagnolo Sebastian de Ocampo. I conquistatori cacciarono gli indigeni durante il XVI secolo e usarono il luogo come bacino di carenaggio e per saline, che fornirono la flotta spagnola fino poi al 1961. Le grotte naturali della penisola servirono da nascondiglio di pirati e fuggitivi. Alla fine del XIX secolo furono costruiti i primi edifici a scopo ricreativo per le vacanze estive dell' alta società della vicina Cardenas, e fu costruito anche, nel 1915 il primo hotel che aveva il nome "Varadero". L' ascesa di Varadero come località turistica si ebbe negli anni venti e anni trenta, quando arrivarono numerosi cubani e nordamericani facoltosi che stabilirono a Varadero la propria residenza nei pressi delle spiagge. Tra di loro spiccano i nomi di Irénée du Pont, discendente del fondatore della DuPont, Al Capone e il dittatore Fulgencio Batista. Bagnata dalle acque dello stretto della Florida con oltre 22 Km d’eccellenti spiagge, rimane tutto ora l’unico mare al mondo a cinque colori e l’unico luogo dove si può guardare l’orizzonte senza essere disturbati dalle barche; le sue acque sono azzurre, limpide, trasparenti ed incontaminate, la sua sabbia bianca e finissima al punto di abbagliare. Nella porzione più orientale di Varadero la flora e la fauna sono endemiche, costituendo un attrattivo addizionale con le grotte, le dune, i laghetti, i cayos adiacenti e i siti archeologici e storici completano il magnifico paesaggio di Varadero. Arricchita da una piantina alberghiera molto giovane e dedicata in particolar modo al turismo d’alto livello, supera le 12000 camere, possiede anche condizioni eccezionali per il turismo d’eventi d’incentivazione che è favorito dal centro congressuale “Plaza America” rappresentando un valore aggiunto per la località. Il turismo proveniente dall'Italia costituisce una importante risorsa ormai consolidata per Cuba e Varadero, essendosi posizionata al secondo posto per numero di visitatori su base annua che arrivano su questa Isola. Oltre a questo Varadero possiede innumerevoli centri notturni, l’unico campo da golf professionale esistente sull’isola ed un’ampia rete di servizi gastronomici e ricreativi.
    Dista 30 Km da Atena de Cuba e possiede un Aeroporto Internazionale a solo pochi minuti dalle bianchissime spiagge e a 2 ore dall’Avana.