Tour Cuba
Condividi su:

guida in italiano - minimo 2 persone
PER IL 2019 LA PARTENZA E' DI MERCOLEDI

  • Descrizione

    città

    Località: HAVANA / SANTA CLARA / TRINIDAD / SANCTI SPIRITUS / CAMAGUEY / SANTIAGO DE CUBA / HAVANA
  • itinerario

    1° giorno HAVANA
    Arrivo, incontro con i nostri assistenti e trasferimento collettivo in hotel. Pernottamento.

    2° giorno HAVANA
    Riunione informativa. Itinerario attraverso la città con la visita del Centro Storico, dichiarato dall’Unesco Patrimonio dell’Umanità. Visita delle piazze della capitale Plaza de la Catedral, Plaza de Armas, Plaza de San Francisco de Asís, Plaza Vieja. Pranzo in centro città. Nel pomeriggio visita panoramica del Capitolio Nacional, del Parque Central, del Parque de la Fradernidad, della Plaza de la Revolucion e del Museo-Fondazione del Rum Havana Club. Visita al Mirador del Castello del Morro. Ritorno in Hotel e cena e pernottamento.

    3° giorno HAVANA/GUAMA/SANTA CLARA/TRINIDAD (colazione, pranzo, cena)
    Partenza all’incirca ore 7.30 per il Parco Montemar, dove si trova la più estesa palude dei Caraibi. Visita della Aldea Taína (un’accurata ricostruzione di un villaggio degli aborigeni) e all’allevamento dei coccodrilli. Pranzo in loco. Passando per la città di Santa Clara visita del Mausoleo del CHE. Trasferimento alla città di Trinidad. Sistemazione e cena e pernottamento in Hotel.

    4° giorno TRINIDAD (colazione, pranzo, cena)
    Itinerario attraverso Trinidad, dichiarata dall’UNESCO Città Patrimonio dell’Umanità. Visita a uno dei Musei della città, sosta nel Bar la Canchanchara e nella Casa del Alfarero (il ceramista). Pranzo in loco. Serata a disposizione. Cena e pernottamento in Hotel.

    5° giorno TRINIDAD/SANCTI SPIRITUS/CAMAGUEY (colazione, pranzo, cena)
    Partenza per Camagüey. Nel tragitto breve sosta al Valle de los Ingenios, una zona che fu, nel XVII e XVIII secolo, una delle più prospere di Cuba grazie alla coltivazione della canna da zucchero e alla sua successiva lavorazione per la produzione dello zucchero. A seguire visita in transito della città di Sancti Spíritus. Pranzo in un ristorante locale a Ciego de Ávila. Arrivo a Camaguey e visita panoramica della città. Sistemazione e cena e pernottamento in hotel.

    6° giorno CAMAGUEY/SANTIAGO DE CUBA (colazione, pranzo, cena)
    Partenza per Santiago di Cuba. Visita in transito della città di Bayamo, la seconda più antica di Cuba, fondata nel 1513 da Diego Velázquez. Pranzo in un ristorante della città. Continuazione del percorso verso la città di Santiago di Cuba e visita, in transito, al Santuario de la Virgen del Cobre. Sistemazione e cena e pernottamento in Hotel.

    7° giorno SANTIAGO DE CUBA (colazione, pranzo, cena)
    Itinerario attraverso la seconda città di Cuba per importanza, scrigno di storia e musica, “Capitale” dell’oriente e Culla del Son e della Rivoluzione Cubana. Visita alla Caserma Moncada, al Parco Céspedes, al Museo della Piratería, al Castello del Morro. Pranzo in un ristorante locale. Pomeriggio a disposizione. Ritorno all’Hotel e cena e pernottamento.

    8° giorno SANTIAGO DE CUBA/HAVANA (colazione, pranzo)
    Tempo a disposizione fino all’ora indicata per il trasferimento all’aeroporto, per partire in volo con destinazione La Habana. Il biglietto dell’aereo è incluso (da Santiago o Holguin a seconda della disponibilità). Pranzo a Santiago di Cuba (Holguin) o a L’Avana, a seconda dell’orario del volo. Arrivo e termine dei servizi.

  •  

    Incluso: sistemazione negli hotel della categoria prescelta - trasferimenti in bus o minivan con aria condizionata - guida parlante italiano - una bevanda inclusa ai pasti nei ristoranti extra-alberghieri - visita dei musei e altri siti elencati nel progamma - assistenza durante tutto il viaggio - assicurazione medico bagaglio

     

    ATTENZIONE: fino al 13 dicembre 2019 il tour parte di MERCOLEDI

Richiedi la prenotazione

dal
al
Adulti 2
Bambini 0
  • Cuba - Informazioni Utili


    Descrizione: L' arcipelago Cubano fu scoperto il 27/10/1492 da Cristoforo Colombo nel suo primo viaggio verso quello che poi fu chiamato Nuovo Mondo. Le prime citta' furono fondate nei primi anni del XVI secolo dal Governatore Diego Velazquez, che diresse la conquista del Paese. Tali citta' sono: Baracoa, Bayamo, Santiago de Cuba, Trinidad, Santi Spiritus, Santa Maria del Puerto del Principe ( Camaguey) e San Cristobal de la Habana. Il dominio spagnolo duro' piu' di quattro secoli e termino' con la occupazione militare del paese da parte degli Stati Uniti nel 1898 fino al 1902, quando fu instaurata una Repubblica neocoloniale. L' arcipelago cubano e' formato dall' isola di Cuba, della gioventu' e da circa 4.195 isolotti che occupano una superficie di 110.992 kmq. Dista 140 km. dalle Bahamas, 180 km. dalla Florida e 210 km da Cancun. Cuba è un’isola lunga e stretta ( 1.200 Km dal Cabo di San Antonio estremità occidentale) alla Punta de Maisì, estremità orientale) la larghezza massima e di 210 Km. e quella minima di 32 Km.. Predominano le pianure e vi sono quattro gruppi montuosi importanti: a ovest, la Cordigliera di Guaniguanico, al centro , la Cordigliera di Guamuhaya, a est, il massiccio Sagua-Baracoa e la Sierra Maestra , nella quale si trova la vetta più alta del paese: il Pico Real del Turquino, alto 1.974 metri. Il paesaggio è vario e va dal semideserto ai boschi tropicali umidi. La biodiversità del paese è alta e i suoi svariati ecosistemi si trovano in ottimo stato di conservazione.

    Località raggiunte dal tour

    Camaguey
    Descrizione: conta oggi circa 300.000 abitanti, ed è la terza città cubana e capoluogo dell'omonima provincia che si estende dal centro dell'isola verso oriente. Il nucleo originario si trovava sulla costa settentrionale presso la baia di Nuevitas, ma per difendersi dai pirati la città fu ricostruita nell'attuale sito, una piana compresa tra i fiumi Hatibonico e Tinima, affluenti del fiume San Pedro. Il territorio pianeggiante e fertile tipico della zona, ha facilitato le attività agricole, l'allevamento, così come i trasporti, più che in ogni altra parte di Cuba, facendone così una delle zone più ricche del Paese

    Havana
    Descrizione: “San Cristobal de L’Avana”, il nome esatto della Capitale cubana, fondata nel 1515, conta ora più di due milioni d’abitanti ed è la più importante e popolosa città dei Caraibi tra le mete più importanti del turismo cubano. Il centro storico (“Habana Vieja”, “Havana Vecchia”) è stato dichiarato dall’UNESCO nel 1982 “Patrimonio Culturale dell’Umanità” decretando così la straordinaria importanza dei suoi monumenti più importanti, uno dei più integri ed autentici tesori architettonici ed urbanistici dell’epoca coloniale: tesoro ancora poco conosciuto e da scoprire. E’ suddivisa in 15 comuni e tra i maggiori luoghi d’interesse si ricordano: Malecón, il viale che corre lungo tutta la costa nord de L'Avana, collega i quartieri dell'Avana Vecchia al Centro - Plaza de la Catedral - Plaza de Armas - Plaza Vieja - Palacio de los Marquéses de Aguas Claras, del XVIII secolo - Paseo del Prado, punto d'intersezione di Prado con il Malecón - Università de L'Avana, con più di 200 anni di storia è stata il centro del pensiero rivoluzionario - Capitolio Nacional, la sede del Parlamento prima della rivoluzione - Museo di Arti Decorative - Academia Nacional de Bellas Artes. L’Avana è anche la città per eccellenza di Hemingway e solo qui si può rivivere la memoria : alla “Bodeguida del Medio” dove dissetarsi con il famoso “mojito” e al “Floridita” bevendo un “daiquiri” nel tempio a lui consacrato dal grande scrittore o alla famosa “Terraza di Cojimar, piccolo villaggio appena fuori l’Avana dove Hemingway attraccava con il suo yacht “Pilar”, accompagnato dal fedele Gregorio, da cui prese spunto per il suo capolavoro “Il Vecchio e il Mare”. Le notti dell’Avana ... alla fine del giorno che appiattisce tutte le forme, è il tramonto rosso, rosa, giallo che dà il segnale, avvolgendo la Caleta di San Lazzaro, stupenda mezzaluna aperta sullo stretto della Florida. Davanti al mare la linea degli edifici del Malecòn disegna il mezzo cerchio della baia, mentre la luce calante accentua i profili del fantastico porticato a colonne. Allora è difficile rinunciare ad un “mojito” o ad un “daiguiri”, magari con i gomiti appoggiati sul balcone di uno dei Bar più famosi del mondo, per perdersi più tardi fra i tipici piatti della cucina cubana in uno dei tanti famosi Ristoranti oppure, perché no, in uno dei tanti “Paladares”, tipiche trattorie familiari di recente istituzione. Si mangia tardi perché poi il dopo cena non ha mai fine... gli spettacoli sono santi, ma quello del “Tropicana” fa storia a sé, famoso nel mondo come il Crazy Horse” o il “Moulin Rouge”. L’Avana è una città giovane e divertente, da scoprire passo dopo passo mescolandosi all’allegria contagiosa dei suoi abitanti. E’ per questo che ad esempio in tutta Cuba si dice “alegre como su sol”: l’Avana, del sole dell’allegria e della notte, è la capitale.

    Santa Clara
    Descrizione: Santa Clara è un comune di Cuba, capoluogo della provincia di Villa Clara (che insieme alle province di Cienfuegos e Sancti Spiritus faceva parte della vecchia provincia di Las Villas). Fu fondata il 15 luglio 1689, questo centro di commercio e snodo di trasporti stradali e ferroviari, oltreché sede di un aeroporto, ha una popolazione stimata di 217 000 abitanti, secondo il censimento del 1994. L'allevamento fu l'attività principale della città fino al XIX secolo, quando fu sostituita dalla coltivazione della canna da zucchero. La lavorazione e la commercializzazione del tabacco è ora una delle attività principali. Troviamo molti luoghi nel ricordo di Ernesto Che Guevara, tra i quali anche un Mausoleo a lui dedicato, diviso in 2 due parti: la prima zona ospita, dall'agosto 1997, le tombe di Ernesto Guevara e di sei suoi compagni caduti in Bolivia e di 14 combattenti uccisi in Guatemala. La seconda zona è dedicata ad un foto cronistoria della vita del Che fin dai primi anni di vita, integrando le foto ad oggetti di proprietà del combattente e di uso comune durante la sua attività come medico nel sud di Cuba all'epoca dello sbarco con Fidel Castro. Santa Clara è una città in costante crescita con interessanti tradizioni sociali e culturali che contribuiscono allo sviluppo economico e turistico. Consigliato per chi vuol conoscere Cuba e dedicare una sosta alla bella e vivace città di Santa Clara per poi rilassarsi sulla bella spiaggia di Cayo Santa Maria.

    Santiago de Cuba
    Descrizione: Fondata circa nel 1515 dal Governatore Diego Velasquez, Santiago è stata la prima capitale di Cuba, dal 1522 al 1553. Con quasi mezzo milione di abitanti, è la seconda città cubana e una delle più antiche di tutta l'isola. Cominciò a crescere adattando il proprio tracciato architettonico alle irregolarità del terreno e lasciando in alcune costruzioni l’impronta di una forte tradizione ispanica. È particolarmente famosa per la sua vivacità culturale, in particolare per quanto riguarda la musica, in quanto ospita più di un festival di musica cubana. La sua importanza in questo campo è testimoniata dal fatto che Santiago è considerata la culla di generi musicali come il son ed il bolero latino americano; questa creatività deriva dalla forte componente afroamericana della popolazione. Ha sempre avuto un ruolo centrale nella vita politico-militare dell'isola e più tardi della nazione; spesso oggetto di incursione piratesche, venne dotata di un porto ben munito e di fortificazioni, che al giorno d'oggi sono divenute attrazioni turistiche. La più famosa di queste è il Castello di San Pedro de la Roca, una fortezza che nel 1997 è stata dichiarata Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. La regione offre infrastrutture adatte a tutte le esigenze, oltre ad un paesaggio naturale senza pari.

    Trinidad
    Descrizione: Trinidad è una città cubana di circa 75.000 abitanti della provincia centrale di Sancti Spíritus. Vicina a Valle de Los Ingenios, è un luogo dichiarato Patrimonio dell'umanità dall'UNESCO fin dal 1988. Fu fondata da Diego Velázquez de Cuéllar nel 1514 con il nome di Villa De la Santísima Trinidad ed è una delle città meglio conservate di tutti i Caraibi, dall'epoca nella quale lo zucchero era il principale commercio in questo luoghi. La parte più vecchia della città è quella meglio preservata ed è oggetto di visite turistiche da parte di tour organizzati. Al contrario, diverse zone al di fuori della parte più turistica, anche molto centrali, versano in stato di semi-abbandono e sono lo specchio di un disagio diffuso nella città e in tutto il Paese. Sono i resti del periodo coloniale e schiavista, nel quale fiorì Trinidad, ad essere la principale attrazione dei visitatori ed il motivo stesso del prestigioso riconoscimento che l'UNESCO ha conferito alla città, oltre a tutta l'area circostante direttamente adibita alla coltivazione della canna da zucchero (la Valle de los Ingenios). Oggi la risorsa economica principale di questi luoghi è costituita dalla lavorazione del tabacco. Fuori dalla città c'è la famosa penisola di Ancón con una rinomata e ampia spiaggia di sabbia (Playa Ancón) sulla quale sorge un complesso turistico, fra i primi nati dopo la rivoluzione del 1959.